Thursday, May 26, 2016

Arrivederci Berlino, si riparte da un buon brownie cioccolato e Baylis - Bye bye Berlin, let's start with a Brownie...


(scroll down for the english recipe)

É un pó come tornare dopo un lungo viaggio, fare uno sforzo di memoria per ritrovare le chiavi, “…user...password...invio”, ed appena le prime immagini vengono caricate, sentirsi già a casa.

Perché l’ho imparato, che la casa non é un luogo, ma uno stato d’animo.
Sono gli affetti, sono i ricordi, é anche un angolo virtuale come questo, nel quale ritrovare se stessi.

É stato un viaggio del cambiamento quello che mi ha tenuta lontana dal blog per tutti questi mesi, un viaggio prima metabolizzato mentalmente, poi organizzato tecnicamente ed infine avvenuto realmente. Torno oggi a scrivere, tra le mura di una nuova abitazione, tra i suoni di una nuova lingua, tra i gesti di una nuova cultura: quella Inglese. 

Con Berlino resterà un legame profondo, come accade spesso per i legami travagliati. É stata per me la città dei contrasti, delle speranze e delle delusioni, delle più alte note di gioia e tristezza; un legame continuamente in bilico tra odi et amo. A Berlino la mia vita é stata scissa in due, senza ponti, tra il prima ed il dopo. É la città dove sono diventata mamma, assaporando la gioia di istanti irripetibili, ma anche quella dove la mia carriera é stata forzatamente messa in stand-by, realizzando che il prezzo da pagare per la maternità, per noi donne, oggi é ancora alto. Un prezzo che però mi ha dato l’opportunità di crescere, di diventare più forte e consapevole. Di tentare perché ci credo, di riprovare perché ci spero. 

Che mi ha concesso il tempo e lo spazio per evolvermi.
Che mi ha dato libertà: dalla paura di rallentare il passo e di esplorare nuovi cammini; di tornare indietro, fermarmi e continuare ad andare avanti. 

Ed ora é il momento di andare avanti…..

Thursday, November 26, 2015

Biscotti alle arachidi con cioccolato - Peanuts Chocolate Cookies


(scroll down for the english recipe)

A Berlino si respira a tutti gli effetti aria pre-natalizia, da qualche giorno infatti, migliaia di piccole lampadine colorate ed installazioni natalizie hanno illuminato la città e dato il via ai famosi mercatini di natale; a contribuire a questa atmosfera di Avvento sono arrivati i primi fiocchi di neve ed un freddo gelido.

In casa, non c'é attività che faccia più atmosfera natalizia di preparare profumati e fragranti biscotti, da mangiare a colazione, all'ora del tè o da regalare! Questi biscottini con burro di arachidi, pezzetti di arachidi salate e cioccolato sono per me i primi della serie...facilissimi e veloci da preparare, rustici e profumati al punto giusto, sono perfetti per un pigro pomeriggio invernale. 
Buone pre-festivitá a tutti :)

Wednesday, November 18, 2015

Torta con cascata di rose rosse - Red rose cascade cake


(scroll down for the english recipe)


Mi sono affezionata a questa torta, e quando coloro ai quali era destinata sono venuta a prenderla, ho sentito come un vuoto, non mi era mai successo.

Frutto delle circostanze. Appena completata l'ho messa al centro del tavolo, come ornamento a palesare il germogliare di un evento sorprendentemente roseo accaduto in questi giorni.

Ho lavorato ad essa un'intera settimana, per diverse ore al giorno; petalo per petalo ho lasciato sbocciare dalle mie mani queste 18 rose rosse, con un senso di gratitudine alla vita, come fossero un'intuizione del grande prodigio. Germogli interiori, di cose pensate, di cose immaginate, di cose sperate, di eventi incasellati in una solenne architettura. É accaduto, ancora una volta prenderemo congedo da mura familiari, da strade, alberi e persone per andare incontro al nuovo....




Le rose sono state create con gumpaste colorata di rosso con il red-red (Wilton), usando il metodo del cucchiaio...

Monday, November 9, 2015

Festa Dragon Trainer e Torta Sdentato per il quinto compleanno - Dragons Party and Toothless Cake for the 5th Birthday


(scroll down for the english recipe)

La mia bimba ha compiuto 5 anni, e per mesi ha immaginato e desiderato la festa di compleanno con il tema di un personaggio che adora, Sdentato, il draghetto protagonista del film Dragon Trainer. Ne abbiamo parlato così tanto che quest'anno il compleanno sembrava non arrivare mai!...ma poi come tutte le cose tanto attese é passato in un baleno!

Preparare la torta mi ha molto divertita, ma modellare Sdentato in pasta di zucchero non é stato facile, ho rifatto gli occhi e riappallottolato la testa ricominciando da capo un sacco di volte, prima di ottenere l'espressione tenera che volevo, almeno alla fine sono rimasta molto soddisfatta! Online ho ordinato gli addobbi per la festa ed ho preparato un piccolo buffet con "bocche di drago", "dita di drago" e "barche vichinghe" come si vede in foto:

Thursday, October 29, 2015

Oh well, Happy Halloween!


Quest'anno per la prima volta sono entrata in 'Halloween mood', sarà perché la mia bimba continua a chiedermi quando arriva questa festa, dopo aver visto un ritaglio di giornale con i "Würstel mummia" che avevo messo da parte come promemoria, con l'idea di farle una sorpresa preparandoli per Halloween. Ovviamente scovando il ritaglio lei mi ha chiesto subito: "Beeelli Mamma, quando me li fai?", "Ad Halloween Gaia, ma era una sorpresa, non avresti dovuto vederlo!"..."ma se non dovevo vederlo, perché hai messo il foglio qui?!" 

Da allora la domanda é "Mamma, ma quando é Halloween?". Lei nell'attesa continua a disegnare mostri e pipistrelli ed io nell'attesa un'altra mostruosa sorpresa sono riuscita a prepararla!

Friday, October 9, 2015

Polenta tartelette con porro cremoso e feta - Polenta tarts with leek and feta cheese


(scroll down for the english recipe)


Se dovessi scegliere  tra i piatti salati che preparo il mio cavallo di battaglia,  non potrei che scegliere una quiche, accompagnata dal motto: “una quiche ed é subito casa!”. Sul blog ho pubblicato svariate ricette di quiche, per es. qui, qui e qui, tutte accomunate dalla fantastica pasta brisée di Felder, una base friabile e croccante perfetta per contenere i ripieni morbidi a base di verdure che richiedono cotture prolungate. Spesso però non c’é né la voglia né il tempo di preparare la  brisée a mano ed inoltre per i celiaci ottenere un buon impasto gluten-free non é sempre facile. Quelle che vi propongo oggi sono delle tortine salate senza glutine con un bel fondo gustoso ed anche sufficientemente croccante a base di polenta. Una variante sfiziosa e dalla preparazione piú rapida di una classica quiche. Potete variarne il ripieno a piacimento ma vi consiglio di provare questa deliziosa variante ai porri.  

Buon weekend a tutti, io vado a tirar fuori il piumino dall'armadio visto che é arrivato un gran freddo!

Sunday, September 20, 2015

Torta compleanno Aeroplano e creatività - Airplane Cake



(scroll down for the english recipe)

Non preparo spesso torte in pasta di zucchero, ma tutte le volte che ne faccio una, la cosa mi diverte tantissimo e non vedo l'ora che arrivi la prossima occasione per prepararne un'altra! Mi dà gioia il creare qualcosa con le mani, esercitare in questo modo la fantasia, la capacità di rielaborare qualcosa che esiste, l'attenzione ai dettagli, l'impegno e soprattutto la pazienza! Ciò mi rilassa e mi fa riaffiorare ricordi di quando ero bambina, ossia di quando passavo molto tempo  ad incollare e ritagliare, modellare col pongo, o usare contenitori vari per creare oggetti, come le scatole per le scarpe che si prestavano per tante cose! 


A me sembra che nei bambini di oggi questo senso del creare é appannato dalla cultura dell'istantaneità, che é quella del linguaggio pubblicitario e annichilito soprattutto dall'uso precoce dei dispositivi elettronici, capaci più di qualsiasi giocattolo o attività, di calamitare la loro attenzione facendoli restare passivi per ore! Non mi piace vedere tablet e telefonini nelle mani dei bambini, soprattutto in età prescolare, e fino ad ora ho evitato che la mia bimba usasse tablet e smartphone come dispositivi di intrattenimento. Io amo quest'era 2.0, ho un laptop, un tablet ed uno smartphone, e mi piace che i miei figli crescano a contatto con questi strumenti fantastici, che ne vengano incuriositi e affascinati, ma anche che capiscano chiaramente che non sono strumenti di gioco o di intrattenimento, per quello ci sono i giocattoli e soprattutto c'é la possibilità di creare a piacimento con la loro fantasia quello che desiderano, servendosi di forbici, carta, cartone, colla, nastro adesivo, pennarelli etc...e devo dire che la mia bimba fino ad oggi, che ha quasi 5 anni, spesso si mette al lavoro tutta sola per creare qualcosa che poi mi mostra orgogliosa. Certo, anche lei qualche settimana fa, ha sentito l'impellente necessitá di avere un computer suo, infatti mentre ero al computer é venuta dicendomi: "mamma, anche io devo leggere le e-mail, come faccio?"..."beh ti serve un computer, facciamone uno, ok?"..."si, ma lo voglio come il tuo con la mela!"

E cosí anche lei ora ha il suo MAC...

Thursday, July 16, 2015

Canederli dolci con Albicocche - Sweet Apricot Dumplings


(scroll down for the english recipe)

L'estate ci offre frutta deliziosa, da mangiare fresca o da usare per preparare tanti buoni dolci. Adoro i dolci con la frutta a pezzi, ne preparo di svariati tipi, ma le albicocche credo siano uno dei pochi frutti che fino ad ora ho sempre mangiato così, al volo! I canederli in versione dolce li avevo già provati la scorsa estate con un dolce cuor-di-fragola, così quando ho visto la ricetta di questi "Marillenknödel" su un libro tedesco non ho resistito alla tentazione di provare nuovamente questo dolcetto dal cuore fruttato. Per la merenda o il dopo cena puó essere un'alternativa golosa alla semplice frutta.

Friday, June 12, 2015

Vaniglia cheesecake con ciliegie (senza base) - Vanilla Cherry cheesecake


(scroll down for the english recipe)

Finalmente qualche momento per affondare le mani e i pensieri nella preparazione di un nuovo dolce. Con la quotidianità del crescere un bebé (e di domare una bimba super-energetica) non ve ne sono molti di momenti così. Poi questa primavera ci dona delle meravigliose ciliegie... perfette da affogare in un dolce mare di morbido formaggio... e quindi per questo weekend cheesecake con ciliegie sia! Ricetta semplicissima, risultato ottimo.

Ho pensato di scrivere nelle ricette, d'ora in poi, anche gli ingredienti che uso io qui in Germania, penso che potrá risultare utile a qualcuno che come me all'inizio, si trova a far la spesa con qualche difficoltà nei supermercati tedeschi.

Friday, May 8, 2015

La regina delle pie: Rabarbaro e Fragole - Strawberry Rhubarb Pie



Come ogni anno qui in Germania a preannunciare la  Primavera contribuisce la  comparsa nei reparti ortofrutticoli del Rabarbaro, questo strano vegetale la cui raccolta comincia per l'appunto nel mese di Aprile.  Ho comprato per la prima volta il rabarbaro per farci un crumble circa tre anni fa, prima di allora pensavo fosse semplicemente una variante allegrotta di sedano, dal gambo rossiccio! Non avrei mai immaginato che tagliato semplicemente a pezzi, e in combinazione con una dose di zucchero e di calore, potesse sprigionare un aroma ed un profumo tanto intensi e particolari. 

La pie al rabarbaro é un classico molto popolare in alcune delle aree dove il rabarbaro viene coltivato (Canada, Stati Uniti, Inghilterra); la pie come tipo di dolce non mi ha mai entusiasmato troppo, ma trovo la combinazione di rabarbaro e  fragole uno sposalizio perfetto, in quanto queste ultime con la loro dolcezza bilanciano il gusto spigoloso (acidulo) del rabarbaro, ed il tutto racchiuso in un guscio croccante una combinazione deliziosa...

Sunday, April 26, 2015

Semplici gattó di patate monoporzione - Italian potatoes gateau


(scroll down for the english recipe)

Happyness is homedade...e finalmente sto imparando a trovarla ogni giorno di piú nella semplicità della quotidianità, nelle piccole o grandi gioie che la illuminano, nonostante le difficoltá che il viver quotidiano spesso implica. Adesso che il tempo, con la nascita del mio secondo bimbo, é diventato un fattore ancor più prezioso, riesco meglio ad assaporare singoli piccoli momenti, sia quelli sempre piú rari, che riesco a regalare a me stessa (sedermi sul divano a godere di un pó di silenzio assoluto, leggere qualche pagina dal mio adorato kindle, cucinare qualcosa e riuscire a scattare qualche foto per il blog, sfogliare un libro di cucina, scrivere un nuovo post...) che quelli che riesco a regalare alla mia famiglia (giocare, fare dei lavoretti creativi, uscire in bici, andare al parco...nonostante in casa ci sia sempre qualcosa da pulire, lavare, comprare, cucinare, organizzare, aggiustare!)

Jordi ha due mesi, ed ha scoperto che fuori dalle mura domestiche c'é tutto un mondo, del quale si é letteralmente innamorato! So anche il momento esatto in cui ció é avvenuto, circa dieci giorni fa, quando a passeggio con la navetta, visto che faceva finalmente un pó di caldo, gli ho aperto la cappottina...ha spalancato gli occhi, cominciando a puntarli verso il cielo, gli alberi, gli edifici, su tutto ció al quale poteva arrivare il suo sguardo da sdraiato, ha guardato senza sosta, fino a casa, con la stessa meraviglia e intensità con le quali guarderebbe un cieco al quale torna la vista!...non so con che nitidezza e definizione un bimbo di due mesi possa vedere, ma qualcosa ha visto e ció che a visto gli é definitivamente piaciuto perché, da quel momento...vuole sempre, sempre uscire!.....ed é cosí che ogni tentativo di farlo addormentare la mattina e poi far qualcosa in casa é ormai vano!

Thursday, April 2, 2015

Cake-Pops Pasquali (preparati con la piastra) - Easter Cake-Pops (made with cake-pops maker)




(scroll down for the english recipe)


Finalmente le giornate si sono allungate e si respira aria di Primavera anche a Berlino! La cittá comincia a risvegliarsi e come ogni anno la mia piazza preferita che vi ho mostrato qui, Viktoria Louise Platz é stata riempita con tante violette colorate. Ieri peró ha nevicato, é stata una vista un pó surreale, appena aperte le tende al mattino, vedere cader giú quei grandi fiocchi bianchi, sembrava che qualcuno stesse sprimacciando cuscini di piume!

Dalla nascita di Jordi non ho avuto proprio piú tempo per mettermi in cucina, soprattutto per sperimentare coi dolci (ció che piú mi piace!), ma la mia bimba desiderava tanto dei cake-pops decorati da portare all'asilo, per la colazione di Pasqua con i suoi amichetti; cosí ho fatto del mio meglio per accontentarla! Queste deliziose palline di torta ricoperte di cioccolato non sono difficili da preparare, ci vuole del tempo a disposizione, ma possono essere preparati a tappe, e tra un passaggio e l'altro ci si può tranquillamente fermare.

Io preparo le palline di pan di spagna con la piastra per cake-pops, questo metodo é meno versatile rispetto a preparare i classici cake-pops di Bakerella (con le torte sbriciolate amalgamate con glassa o marmellata), questi ultimi infatti possono essere modellati in diverse forme, mentre quelli preparati con la piastra sono esclusivamente tondi; io peró trovo la piastra comoda da usare, la loro preparazione piú veloce ed anche il gusto (piú light) mi piace di piú.

Ecco quindi la ricetta che uso per preparare delle perfette, soffici palline di torta per cake-pops e come decorarli avendo pochissimo tempo e materiale a disposizione...



...non solo i bambini saranno felici!

Saturday, March 28, 2015

Un benvenuto al mio pulcino, ed un'ode alle Hebamme!



Ed ecco finalmente il mio primo post 'post-partum' dedicato al mio dolce pulcino venuto al mondo un mese e mezzo fa! Come si sa l'arrivo di un bebè stravolge completamente i ritmi e le abitudini e pur avendo già avuto una prima esperienza di maternità, devo dire che non si é mai davvero preparati! Anzi, proprio perché ci si sente giá rodati si fa l'errore di sopravvalutare se stessi e la propria capacità di gestire la nuova situazione. In realtà, anche dopo così poco tempo, mi rendo conto che ogni bambino é un individuo con un suo linguaggio ed una sua personalità, e non é detto per esempio, che le 'tecniche' per calmare il pianto usate con il primo figlio, funzionino anche con il secondo!

Qui in Germania per le prime due settimane dopo il parto viene a casa tutti i giorni una puericultrice o Hebamme (in tedesco), poi in base alle necessità, c'é un altro numero di incontri su richiesta. Non immaginate che venga a trascorrere ore a casa con voi, viene in genere per non più di mezz'ora, si occupa di pesare il bambino, di monitorare la caduta del cordone ombelicale, di fargli con voi il primo bagnetto se vi sentite insicure nel farlo da sole, di darvi consigli in generale sulla cura del bambino. Inoltre, si occupa anche della neo-mamma, sia per quanto riguarda la salute post-parto o eventuali problemi nell'allattamento, sia soprattutto é attenta a come state psicologicamente; ascolta i vostri dubbi, bisogni materiali e anche interiori, cosa non banale, visto che dopo il parto le attenzioni vostre e di chi vi circonda vengono automaticamente convogliate sul bebè! 

Per me é stata una figura di supporto fondamentale, soprattutto alla mia prima esperienza di maternità, quando con tre settimane di anticipo sono tornata a casa con un piccolissimo fagottino dalle incredibili capacità comunicative ;-) ossia piangere per ore senza tregua! Dalla Hebamme ho  imparato tantissimo, non solo grazie ai suoi consigli ma anche semplicemente nell'osservarla. Ogni volta che arrivava, era una specie di maga-fata, la sua spigliatezza nell'interagire con il bebé mi ha sempre lasciata sbalordita; é successo più volte che da ore tentassi di calmare la mia bimba che strillava, quando improvvisamente suonava lei, entrava silenziosa, si toglieva le scarpe, lavava le mani e mi chiedeva con tutta calma come andava...io rispondevo furiosa "come vuoi che vada?...non vedi come strilla? e da ore che va avanti cosí" e lei "vuoi che la prenda io?" (e me lo chiedi?!), non aveva finito la frase che io la lanciavo praticamente tra le sue braccia!...lei si sedeva comodamente su una sedia (quando io avevo macinato Km camminando avanti e indietro per casa) la prendeva stringendola immobile tra le braccia (io avevo fatto pure le acrobazie per cambiarla di posizione sperando di trovare quella giusta che la calmasse), e cominciava a interagire con lei parlandole, come se con quel pianto la mia bimba le stesse dicendo qualcosa e...MAGIA!...dopo cinque minuti di strilla e dimenamenti, le strilla diventavano vagiti sempre piú flebili, il respiro tornava regolare, e dopo poco si addormentava pure! Osservavo la scena con un senso di frustrazione e inadeguatezza tremendi!

Friday, January 30, 2015

Strepitosa torta di carote con frosting al burro di arachidi - Deluxe carrot cake with peanut butter frosting




(scroll down for the english recipe)


Per il mio compleanno sono stata tutto il giorno a casa, rilassandomi con le mie attività preferite: leggere e preparare un dolce. Ho scelto con cura il dolce del quale avevo voglia ed una poesia, e me li sono dedicati.

"Per essere grande, sii intero: non esagerare
E non escludere niente di te.
Sii tutto in ogni cosa.
Metti quanto sei nel minimo che fai."
(Fernando Pessoa)

Ho preparato la torta di carote, una delle mie preferite, umida e soffice, con tante carote e mandorle, ed una nota di cannella. L'ho spalmata di crema al mascarpone, poi ho tirato fuori dal cassetto quel barattolo nuovo di burro di arachidi comprato tanto tempo fa al reparto di cose americane del KaDeWe e l'ho decorata con delle roselline al mascarpone e burro di arachidi. Il risultato é stato splendido, il lupo e la lupetta di casa al loro rientro hanno gradito molto la sorpresa!
Se cercate la ricetta della torta di carote perfetta provate questa:

Wednesday, January 21, 2015

Tortino di spinaci e orzo perlato con cipolle in agrodolce...ed una domanda - Spinach and pearl barley with sweet & sour onions


(scroll down for the english recipe)

Buon 2015! Enormemente in ritardo, ma ancora in tempo per augurarvi un anno sereno ed un avvicinamento ai sogni che portate nel cuore. 
I miei post sono stati negli ultimi tempi ancora più radi del solito, la ragione é, che la maggior parte delle mie energie é stata assorbita da una bella maratona di 9 mesi: la dolce attesa! Adesso che mancano gli ultimi metri e quei movimenti ovattati dal liquido amniotico sono forti e nettila voglia di arrivare al traguardo é tantissima!  

Dopo le festività il desiderio é di tornare ad un'alimentazione più equilibrata, ma senza rinunciare al gusto. Così come primo post del 2015 voglio proporvi un piatto che adoro e che farà felici i vostri commensali vegetariani, un piatto delizioso e bello a vedersi, un tortino di orzo perlato, spinaci, e cipolla in agrodolce con uvetta. Provatelo e non resterete delusi.

La domanda é: poiché la mia prima e unica piccola planetaria - Kenwood prospero - é passata a nuova vita (ha fatto il suo dovere ma non ne sono mai stata davvero soddisfatta), l'indecisione adesso é se investire una volta per tutte in un Kitchen Aid (ne vale il prezzo?) o comprare il Kenwood KMix. Se usate regolarmente la planetaria Kenwood Kmix potreste dirmi per favore come vi trovate? O magari darmi la vostra opinione in merito alle due? Vi ringrazio.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...